Iscriviti alla newsletter

Questa sezione presenta una serie di guide on-line realizzate dagli appassionati, in continuo aggiornamento e d il cui intento è quello di trasmettere la passione per l'arte del modellismo ferroviario e svelarne i relativi

Voglio fare una considerazione sulla sicurezza degli investimenti in Moneyfarm. Quando i sistemi di scrittura furono inventati furono utilizzati quei materiali che permettevano la registrazione di informazioni sotto forma scritta: A proposito di videoclip ecco il Presidente del Turkmenistan in persona che si esibisce come finto chitarrista e cantante, per il tripudio dei sudditi http:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Faro es el descubridor de información académica y científica de la Biblioteca Universitaria. En él podrás encontrar libros impresos y electrónicos, tesis doctorales, comunicaciones a congresos, artículos científicos y de prensa, y todo ello de una forma rápida y sencilla desde un único punto de acceso.

Qui stiamo vedendo cose che inconsapevolmente costituiscono una nuova pop art, una rivoluzione di realismo contemporaneo, non ho altre parole per definire le sensazioni che mi danno queste foto. Quella che in RU si chiama nostalgia, sempre e cmq con tappeti, ci mancherebbe altro. DeeJay tra i 3 video ho apprezzato molto quello di Florin Salam per via della zoccola bionda.

Tristissimo quello anni 80! A proposito di videoclip ecco il Presidente del Turkmenistan in persona che si esibisce come finto chitarrista e cantante, per il tripudio dei sudditi http: DrMichaelFlorentine ricambio il saluto. Anche nel wedding a volte ricorre il tema del tappeto, ci mancherebbe altro, quello va sempre e comunque. Altra chicca di post produzione wedding. Bhe … bisogna ammettere che nelle foto si vedono certe fatine …… i ragazzi invece veramente sono dei mostri.

Le ragazze …anche acqua e sapone.. Eppure normalmente le generazioni tendono ad equipararsi …. Bella la balkan music DeeJay Io invece in auto mi sono messo una cazzata tipo questa https: Dove invece si assiste al fenomeno opposto: I simili si attraggono in natura, gli opposti si evitano: Quelle da selfie impostato sono da evitare come la peste. E le russe a mosca, specialmente ex-village, sono le peggiori Seriamente DrMichaelFlorentine la cosa mi sorprende. Forse sei abituato troppo ai CdA e ai collegi e ti vesti troppo elegante.

I genitori portano al mercato le figlie, quasi sempre minorenni, per venderle al marito miglior offerente. Informazione di servizio, dal marketS, totalmente off topic. Greece tapped reserves at IMF to make debt repayment. Lui mandava le foto e diceva che mostri ci voleva il cliente, lei eseguiva con una certa creatività cha apprezzavo particolarmente , rispediva via mail, a fine mese la pagavano, fine della storia.

Sempre e comunque tappeti, e che ci vuoi fare. Oggi mi avete praticamente fatto supercazzeggiare tutto il giorno ogni tanto ci vuole davvero , meglio che prenda P. La foto di qui sopra e di un baretto annesso a un area commerciale abbandonata. Ci passo davanti tutti i giorni per andare a lavorar. Ieri han deciso che nel gruppo di presentazione ci si mette per fare un poco di charme una giovane collega originaria della….

Pure gli Azerbaijan con cui ho collaborato si rotolerebbero dalle risate…. Come potete ben vedere … hanno avuto la grazia di dipingere qualsiasi cosa si fossero trovati davanti. Non ho trovato in rete altre foto … ma vi garantisco che hanno dipinto anche le buche …. Per tali edizioni di lusso il papiro era certamente inadatto. In almeno un'area, la giurisprudenza romana , il codex di pergamena veniva prodotto sia in edizioni economiche che in quelle di lusso.

Titoli di compilazioni celebri, il Codice teodosiano promulgato nel , ed il Codice giustinianeo promulgato nel , indicano che gli imperatori li facevano scrivere su codici, sicuramente di pergamena dato che erano più duraturi e più capienti e inoltre di ottima qualità, dato che erano prodotti sotto l'egida dell'imperatore.

Dall'altro lato, basandoci sulle annotazioni di Libanio , intellettuale del IV secolo che nelle sue molteplici attività faceva anche l'insegnante di legge , si apprende che i libri di testo dei suoi studenti erano codici di pergamena. Le ragioni erano buone: La caduta dell'Impero romano nel V secolo d. Il papiro divenne difficile da reperire a causa della mancanza di contatti con l' Antico Egitto e la pergamena , che per secoli era stata tenuta in secondo piano, divenne il materiale di scrittura principale.

I monasteri continuarono la tradizione scritturale latina dell' Impero romano d'Occidente. La tradizione e lo stile dell' Impero romano predominava ancora, ma gradualmente emerse la cultura del libro medievale. I monaci irlandesi introdussero la spaziatura tra le parole nel VII secolo. Essi adottarono questo sistema perché leggevano con difficoltà le parole latine. L'innovazione fu poi adottata anche nei Paesi neolatini come l'Italia , anche se non divenne comune prima del XII secolo.

Si ritiene che l'inserimento di spazi tra le parole abbia favorito il passaggio dalla lettura semi-vocalizzata a quella silenziosa. Prima dell'invenzione e della diffusione del torchio tipografico , quasi tutti i libri venivano copiati a mano, il che li rendeva costosi e relativamente rari.

I piccoli monasteri di solito possedevano al massimo qualche decina di libri, forse qualche centinaio quelli di medie dimensioni. In Età carolingia le più grandi collezioni raccoglievano circa volumi; nel Basso Medioevo la biblioteca pontificia di Avignone e la biblioteca della Sorbona di Parigi possedevano circa 2.

Il processo della produzione di un libro era lungo e laborioso. Il supporto di scrittura più usato nell'Alto Medioevo, la pergamena, o vellum pelle di vitello , doveva essere preparato, poi le pagine libere venivano pianificate e rigate con uno strumento appuntito o un piombo , dopo di che il testo era scritto dallo scriba , che di solito lasciava aree vuote a scopo illustrativo e rubricativo.

Infine, il libro veniva rilegato dal rilegatore [26]. Le copertine erano fatte di legno e ricoperte di cuoio. Poiché la pergamena secca tende ad assumere la forma che aveva prima della trasformazione, i libri erano dotati di fermagli o cinghie. In quest'epoca si usavano differenti tipi di inchiostro , usualmente preparati con fuliggine e gomma, e più tardi anche con noce di galla e solfato ferroso.

Esistono testi scritti in rosso o addirittura in oro, e diversi colori venivano utilizzati per le miniature. A volte la pergamena era tutta di colore viola e il testo vi era scritto in oro o argento per esempio, il Codex Argenteus. Per tutto l'Alto Medioevo i libri furono copiati prevalentemente nei monasteri, uno alla volta. Il sistema venne gestito da corporazioni laiche di cartolai , che produssero sia materiale religioso che profano [28].

Nelle prime biblioteche pubbliche i libri venivano spesso incatenati ad una libreria o scrivania per impedirne il furto. Questi libri furono chiamati libri catenati. Vedi illustrazione a margine. L' ebraismo ha mantenuto in vita l'arte dello scriba fino ad oggi. Secondo la tradizione ebraica, il rotolo della Torah posto nella sinagoga deve esser scritto a mano su pergamena e quindi un libro stampato non è permesso, sebbene la congregazione possa usare libri di preghiere stampati e copie della Bibbia ebraica possano esser utilizzate per studio fuori della sinagoga.

Lo scriba ebraico sofer è altamente rispettato nell'ambito della comunità ebraica osservante. Anche gli arabi produssero e rilegarono libri durante il periodo medievale islamico , sviluppando tecniche avanzate di calligrafia araba , miniatura e legatoria. Un certo numero di città del mondo islamico medievale furono sede di centri di produzione libraria e di mercati del libro. Col metodo di controllo, solo "gli autori potevano autorizzare le copie, e questo veniva fatto in riunioni pubbliche, in cui il copista leggeva il testo ad alta voce in presenza dell'autore, il quale poi la certificava come precisa".

In xilografia , un'immagine a bassorilievo di una pagina intera veniva intarsiata su tavolette di legno, inchiostrata e usata per stampare le copie di quella pagina. Questo metodo ebbe origine in Cina , durante la Dinastia Han prima del a. Il libro più antico stampato con questo sistema è il Sutra del Diamante d. I monaci o altri che le scrivevano, venivano pagati profumatamente. Questa invenzione gradualmente rese i libri meno laboriosi e meno costosi da produrre e più ampiamente disponibili.

La stampa è una delle prime e più importanti forme di produzione in serie. I primi libri stampati, i singoli fogli e le immagini che furono creati prima del in Europa, sono noti come incunaboli. Folio 14 recto del Vergilius romanus che contiene un ritratto dell'autore Virgilio.

Da notare la libreria capsa , il leggio ed il testo scritto senza spazi in capitale rustica. Leggio con libri catenati , Biblioteca Malatestiana di Cesena. Incunabolo del XV secolo. Si noti la copertina lavorata, le borchie d'angolo e i morsetti.

Insegnamenti scelti di saggi buddisti , il primo libro stampato con caratteri metallici mobili, Bibliothèque nationale de France. Le macchine da stampa a vapore diventarono popolari nel XIX secolo.

Queste macchine potevano stampare 1. Le macchine tipografiche monotipo e linotipo furono introdotte verso la fine del XIX secolo. Potevano impostare più di 6. I secoli successivi al XV videro quindi un graduale sviluppo e miglioramento sia della stampa, sia delle condizioni di libertà di stampa , con un relativo rilassamento progressivo delle legislazioni restrittive di censura.

A metà del XX secolo , la produzione libraria europea era salita a oltre Nella seconda metà del XX secolo la tecnologia informatica ha reso possibile con la diffusione di libri in formato elettronico, poi chiamati eBook o e-book da electronic book ,una rivoluzione in quanto come ha evidenziato il bibliofilo Nick Carr dalle caratterestiche della carta stampata ovvero: Nel [34] nasce il Progetto Gutenberg , lanciato da Michael S.

Hart , la prima biblioteca di versioni elettroniche liberamente riproducibili di libri stampati. L'uso degli eBook al posto dei libri stampati si è tuttavia diffuso solo all'inizio del XXI secolo [35]. I libri a stampa sono prodotti stampando ciascuna imposizione tipografica su un foglio di carta.

Il foglio stampato viene poi opportunamente piegato per ottenere un fascicolo o segnatura di più pagine progressive. Le varie segnature vengono rilegate per ottenere il volume. L'apertura delle pagine, specialmente nelle edizioni in brossura , era di solito lasciata al lettore fino agli anni sessanta del XX secolo , mentre ora le segnature vengono rifilate direttamente dalla tipografia.

Nei libri antichi il formato dipende dal numero di piegature che il foglio subisce e, quindi, dal numero di carte e pagine stampate sul foglio. Nei libri moderni il formato è dato dall'altezza in centimetri, misurata al frontespizio , entro un minimo e un massimo convenzionalmente stabilito. Il termine " tascabile " riferito al libro rappresenta un concetto commerciale e identifica libri economici stampati in sedicesimo, la cui diffusione, a partire dall'ultimo Ottocento ma soprattutto nella seconda metà del XX secolo , ha permesso un notevole calo dei prezzi.

Sostanzialmente - sia per il formato, sia per l'economicità - esso trova precedenti nella storia del libro anteriore alla stampa, già a partire dall'antichità il "libro che sta in una mano": Le "carte di guardia", o risguardi, o sguardie, sono le carte di apertura e chiusura del libro vero e proprio, che collegano materialmente il corpo del libro alla coperta o legatura.

Non facendo parte delle segnature , non sono mai contati come pagine. La loro utilità pratica è evidente in libri cartonati, o rilegati in tela, pelle o pergamena, dove aiutano a tenere unita la coperta rigida al blocco del libro. Nel libro antico le sguardie, poste a protezione delle prime pagine stampate o manoscritte del testo, contribuiscono a tenerlo insieme alla copertina con spaghi o fettucce passanti nelle cuciture al dorso; nel libro moderno è invece la garza che unisce i fascicoli alla copertina.

Si chiama "controguardia" la carta che viene incollata su ciascun "contropiatto" la parte interna del "piatto" della coperta, permettendone il definitivo ancoraggio. In origine era costituito dalla firma del copista o dello scriba, e riportava data, luogo e autore del testo; in seguito fu la formula conclusiva dei libri stampati nel XV e XVI secolo che conteneva, spesso in inchiostro rosso, il nome dello stampatore, luogo e data di stampa e l'insegna dell'editore.

Di norma i fascicoli che costituiscono il libro vengono tenuti insieme da un involucro detto appunto '"coperta" o "copertina", è la parte più esterna del libro spesso rigida e illustrata. Usata raramente fino a tutto il Settecento quando solitamente l'editore vendeva i libri slegati o applicava una semplice copertina di protezione, che veniva poi gettata dal legatore divenne molto popolare a partire dai primi anni dell' Ottocento , forse su impulso degli stampatori Brasseur di Parigi [38].

Nel libro antico poteva essere rivestita di svariati materiali: Poteva essere decorata con impressioni a secco o dorature. Ciascuno dei due cartoni che costituiscono la copertina viene chiamato piatto. I piatti hanno dimensioni leggermente più ampie rispetto al corpo del volume. La parte che sporge oltre il margine dei fogli è chiamata unghiatura , o unghia o cassa.

Essa è anche realizzata nelle segnature fogli piegati per facilitare la raccolta o l'assemblaggio di un opuscolo.

Nel libro moderno la coperta è costituita dai due piatti e da un "dorso", per le cosiddette copertine rigide "legature a cartella" o "Bradel" o "cartonato" , oppure da un cartoncino più o meno spesso che, opportunamente piegato lungo la linea del dorso, abbraccia il blocco delle carte. In quest'ultimo caso si parla di brossura e l'unghiatura è assente. Roma, 27 set - Per quanti ancora, con stolida abitudine, seguitassero ad accendere la televisione "il potere in salotto", secondo l'insuperabile definizione di Baudrillard , v'è una novità degna di nota, che merita una pur telegrafica sottolineatura: Roma, 25 set - In un articolo apparso su Il Fatto Quotidiano il 3 giugno , Francescomaria Tedesco, professore di filosofia politica e ricercatore in filosofia del diritto, metteva in evidenza il ruolo sempre più marginale che gli intellettuali Roma, 25 set — Continuo a pensare che sia un bene che Julius Evola, immobilizzato su una sedia a rotelle dopo essere finito sotto le bombe alleate a Vienna, abbia scritto Gli uomini e le rovine anziché una cosa Roma, 25 set — Sergio Catilina nacque a Roma nel a.

Il nome sembra derivare da un antenato di Catilina, Sergesto, il quale, secondo quanto riportato da Virgilio, giunse in Italia Vienna, 24 set — Si avvicina lentamente il centenario della vittoria italiana nella Grande Guerra. Eppure, se in Italia Roma, 23 set - È domenica. La giornata che, più di altre, si presta alla convivialità e condivisione di una tavola imbandita. Da famiglia a famiglia, di regione in regione. Dalla terra del radicchio rosso più rinomato al mondo proveniva anche Tommaso Salsa, Un popolo di avventurieri: Ecco perché i media mainstream hanno inventato il rossobrunismo Cultura Adriano Scianca - 21 settembre Ce ne sono altre che la realtà la creano.

Altre ancora, infine, con la realtà non hanno minimamente a che fare: